Benvenuti all'Ecomuseo del
Lago d'Orta e Mottarone >>
AGENDA
notizie dal territorio
  ECO NEWS
notizie dall'Ecomuseo
 
CERCA  

Torna a >Paesi del lago

Gignese
 

Cenni storici
 
L`abitato di Gignese,è situato a 700 metri d`altitudine sul pendio che dal Mottarone degrada verso il Lago Maggiore.
Il paese è posto tra due torrenti:la Fiumetta o Grisana a Nord e lo Scoccia o Erno a sud. La leggenda vuole formato il paese da tale Genesio Dotti, fuoriuscito genovese del XII secolo, il quale sarebbe approdato alla foce dell`Erno con la moglie e tre figlie. Qui la moglie sarebbe morta di stenti,e la residua famigliola avrebbe risalito il torrente fino al passo presso l`Agogna, fissandovi la dimora. Come ogni bella storia, anche questa si conclude con lieto fine:il matrimonio delle tre ragazze con tre baldi giovani di Vezzo e la nascita del paese.
L`economia del passato era essenzialmente legata all`allevamento del bestiame, poichè l`altitudine e la posizione non consentono culture cerealicole sufficienti. Altra ricchezza del paese erano i boschi, successivamente sacrificati per formare i pascoli di nuovi alpeggi e solo ai nostri giorni ritornati a coprire col loro verde manto i dossi ormai inselvatichiti dalle felci.
La profonda trasformazione operata dal turismo e l`accresciuto benessere ad esso conseguente hanno pressoché cancellato le tipologie arcaiche dell`architettura contadina, caratterizzata da costruzione basse, con portali in pietra.
Più diffuse sono invece le costruzioni risalenti al sei-settecento.
Della fede vissuta in concreto testimoniano gli edifici religiosi come la chiesa parrocchiale dedicata a San Maurizio.
A levante del paese, al bivio dell`antica strada mercantesca Stresa-Orta con la strada per Nocco, c`era nel 500 un tempietto dedicato alla Purificazione della Vergine,o Madonna di Bretta.
Da una statua che qui si venerava,la dedicazione antica si mutò nel secolo scorso in quella attuale a San Rocco.
Legata all`Erno e alle sue piene è la storia della Madonna del Sasso. Un viandante travolto dalle acque del torrente in piena invocò Maria ed ebbe salva la vita aggrappandosi ad un masso. Su quel sasso egli fece allora dipingere per voto l`immagine della Madonna del Rosario.
Successivamente si pensò di tagliare il masso e di portare l`immagine in una nuova chiesetta inaugurata nel 1939, ed ancora oggi cara ai Gignesini.
In seguito al lascito Colla il Municipio s`impiantò nella palazzina che reca impronta dell`estrosità artistica del suo proprietario, l`Architetto Angelo Colla.
Monumento ai caduti della Grande Guerra, l`edificio delle scuole, costituì un grosso sacrificio finanziario per il paese, ma si rivelò una delle realizzazioni più innovative, sia per la capienza (ospitò la prima sede del Museo dell`ombrello), sia per l`ubicazione.
Il Museo, ideato nel 1939 dall`agronomo I. Ambrosini, a cui si deve anche il Giardino Alpinia, dal 1976 è allestito nella nuova sede promossa dall`Associazione amici del museo. Il declino del paese sembrava ormai inesorabile se non fosse intervenuto un fatto nuovo e imprevedibile: il Turismo.
All`inizio furono alcuni escursionisti Inglesi a incamminarsi verso il Mottarone per goderne lo straordinario ampio panorama. Quando i mezzi di comunicazione resero più agevoli gli spostamenti, il flusso di visitatori che salivano dagli alberghi di Stresa e di Baveno divenne più sostenuto, e così operatori intraprendenti costruirono alberghi nei luoghi migliori per offrire conforto e ospitalità in un ambiente eccezionale.
Il turismo d`elite del primo Novecento ha dato una particolare impronta al paesaggio, contrassegnato dallo stile Liberty.


LEGGENDE
Genesio, il genovese

Si narra che nel secolo XI un certo Genesio, genovese d`origine, per sfuggire alla rappresaglia che gli era stata tesa da nobili, ai quali si era ribellato, si era rifugiato con la moglie e i tre figli nei boschi del Mergozzolo,proprio nella zona dove sorge Gignese. Nel contempo avvenne che tre giovani donne, per sottrarsi alla peste che era scoppiata nel Milanese, dove faceva orrenda strage, si rifugiassero nello stesso luogo e là sposarono i tre giovani. Dai felici matrimoni nacquero i figli che contribuirono alla nascita del nuovo paese, che in onore di Genesio, si chiamò Gignese.


La pietra papale

Intorno alla pietra papale, ormai scomparsa ma famosa in passato, sita in territorio di Gignese,sono fiorite in tempi lontani, curiose leggende.
Il Divin Maestro, peregrinando sulle pendici del Mottarone, per ammirare la meravigliosa opera del Padre, stanco sostò dove il monte degrada e in un pianoro sedette a riposare. Agli apostoli che mostravano desiderio di proseguire disse:Ingegnatevi! (ingignevas). Da quella esclamazione la località si chiamò Gignese.
L`apostolo Pietro proseguì tutto solo il cammino. Giunse ad un grande masso di granito.Restò colpito dalla gigantesca proporzione e si fermò ad ammirarlo. Tosto la sua mente corse alla parole che un giorno gli aveva detto il Maestro:-Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa-e riflettè riposando sul masso prima di ritornare dal Maestro.
Così si vuole che al masso sia stato attribuito l`aggettivo Papale in onore della sosta fatta colà dal primo Papa S.Pietro.

Intorno alla pietra papale esiste un`altra leggenda. Il sasso era posto sulla vetta della montagna vicino a Gignese. Un giorno il gnel (l`agnello mammone), ossia il diavolo in persona, gli diede una tremenda cornata che lo fece ruzzolare fino in basso; un`incavo del sasso, oggi demolito, testimoniava fosse stato fatto dalla cornata. Taluno l`ha chiamato il sasso del Vescovo,forse ritenendo eccessivo scomodare il Papa per soli 1500 metri cubi di granito.
E` da notare che di questo maggiore monumento geologico della zona, del quale resta nei più anziani il ricordo, o la testimonianza di qualche fatto,si sono occupati diversi studiosi,tra cui il geologo Carlo Parona dell`università di Torino.

Tratto dal Sito del Comune di Gignese
 


Versione stampabile
» Zoom


allegati:
     > HOME PAGE
     > L'ECOMUSEO
     > IL TERRITORIO
     > DOVE SIAMO
     > CONTATTI
     > LINK

Iscriviti alla Mailinglist

Inserisci il tuo indirizzo email
 
       | CHI SIAMO
       | Amici dell`ecomuseo
       | LAGO D`ORTA
       | Musei Aperti
       | Paesi del lago
       | Luoghi della fede
       | Edifici civili
       | Orta reloaded
       | ITINERARI
       | Giro Lago
       | Autori del lago d`Orta
       | SCUOLE
       | Percorsi di scoperta
       | Progetti didattici
       | DOCUMENTAZIONE
       | Dialetto
       | Pubblicazioni
       | Storia e Tradizioni
       | PIEMONTE ECOMUSEI
       | ECOMUSEO E GIOVANI
       | Concorsi
       | ASSOCIAZIONI
       | TURISMO
       | ENOGASTRONOMIA
       | Progetti

 

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621)
all' Ecomuseo (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 - 17,00 dal lunedí al venerdí)
info: ecomuseo@lagodorta.net PEC: ecomuseo@lwcert.it
P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030
2006© LakeWeb s.r.l.