Benvenuti all'Ecomuseo del
Lago d'Orta e Mottarone >>
AGENDA
notizie dal territorio
  ECO NEWS
notizie dall'Ecomuseo
 
CERCA  

Torna a >Luoghi della fede

Crusinallo: Chiesa di San Gaudenzio
 

CHIESA PARROCCHIALE DI SAN GAUDENZIO

La chiesa Ŕ di fondamenta romaniche, anche la parte inferiore del campanile.
La Chiesa, secondo la leggenda, sarebbe costruita sul luogo dove san Giulio iss˛ una croce nell`alto della collinetta, ma la pseudoetimologia di Crusinallo da Crux in altum era giÓ derisa dagli storici ottocenteschi. La parte centrale della chiesa e la parte bassa del campanile fino alle bifore dimostrano le origini romaniche dell`edificio. Quest`ultimo fu poi ampliato con una navata, forse nel 1500. Nel 1580 fu elevata a Parrocchiale, staccandosi dalla pieve originaria di Omegna. Del 1567 Ŕ il Polittico di Filippo Cavallazzi, dove sono rappresentati alcuni santi locali, di cui al centro, nell`ordine inferiore, campeggia S. Gaudenzio sulla Cattedra Vescovile e, nell`ordine superiore, la Madonna col Bambino. Ai due lati si trova un`immagine dei santi patroni delle parrocchie limitrofe per ogni ordine, San Giorgio e il drago (Casale Corte Cerro) e Sant`Ambrogio (Omegna). La cimasa rappresenta Dio Padre e, ai lati l`angelo Gabriele e la Beata Vergine Maria. L`altare in marmo del Seicento Ŕ policromo, nello stile di quelli della zona, riconoscibili dal Ciborio sopra il Tabernacolo. Di notevole importanza, all`interno della Chiesa, il Battistero in legno (1612) e la Cappella della Madonna del Rosario, decorata con varie sculture del Barocco Rococ˛. Gli altri altari, molto semplici, sono dedicati alla S. Famiglia (ora Ŕ occupato dalla statua di S. Giuseppe del 1896, proveniente da una chiesetta pericolante) e a S. Gaudenzio (con la statua del Cristo morto al di sotto dell`altare). Un`altra suppellettile imponente Ŕ il grosso armadio della sagrestia (1775). L`interno della Chiesa Ŕ stato oggetto di imponenti lavori di restauro nel 1972, durante i quali sono state riportate alla luce le antiche pareti e le colonne romaniche della navata centrale. Il campanile Ŕ formato da due parti: i primi tre piani sono la parte romanica di esso, la pi¨ antica. La parte superiore del Cinquecento - Seicento, Ŕ formata dal piano dell`orologio e dal piano delle campane. Queste ultime sono 5, formano un concerto in sol bemolle e, loro particolaritÓ, sono ancora suonate a mano, come una volta.


Versione stampabile

allegati:
     > HOME PAGE
     > L'ECOMUSEO
     > IL TERRITORIO
     > DOVE SIAMO
     > CONTATTI
     > LINK

Iscriviti alla Mailinglist

Inserisci il tuo indirizzo email
 
       | CHI SIAMO
       | Trasparenza
       | Amici dell`ecomuseo
       | Amici d`Oro
       | CONTRATTO DI LAGO
       | LAGO D`ORTA
       | Musei Aperti
       | Paesi del lago
       | Luoghi della fede
       | Edifici civili
       | Orta reloaded
       | ITINERARI
       | Giro Lago
       | Autori del lago d`Orta
       | SCUOLE
       | Percorsi di scoperta
       | Progetti didattici
       | DOCUMENTAZIONE
       | Dialetto
       | Pubblicazioni
       | Storia e Tradizioni
       | PIEMONTE ECOMUSEI
       | ECOMUSEO E GIOVANI
       | Concorsi
       | ASSOCIAZIONI
       | TURISMO
       | ENOGASTRONOMIA
       | Progetti

 

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621)
all' Ecomuseo (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 - 17,00 dal lunedí al venerdí)
info: ecomuseo@lagodorta.net PEC: ecomuseo@lwcert.it
P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030
2006© LakeWeb s.r.l.