Benvenuti all'Ecomuseo del
Lago d'Orta e Mottarone >>
AGENDA
notizie dal territorio
  ECO NEWS
notizie dall'Ecomuseo
 
CERCA  

Torna a >LAGO D`ORTA

La festa di San Vito
 

LA FESTA DI SAN VITO AD OMEGNA
La festa secolare di Omegna, il capoluogo del Cusio, costituisce, coi suoi spettacli pirotecnici, un consolidato appuntamento dell`estate cusiana.
La festa di fine agosto si svolge sostanzialmente con le stesse modalità, almeno da un secolo a questa parte, da quando cioè si hanno resoconti delle giornate: solenni celebrazioni religiose e intrattenimenti sportivi, per lo più, nel pomeriggio della domenica, musica bandistica, fuochi d`artificio, luminarie, e banco di beneficenza. Immancabile dal 1903. Infatti venne allestito in quell`anno il primo grandioso banco di beneficenza con doni magnifici del Santo Padre, di Sua Maestà la Regina, di Principi, di Senatori e Deputati. Si festeggiava l`apertura del Ricreatorio Maschile, per dirla con Augusto Caccini, puntuale memorialista nel riferire gli avvenimenti della città. Di quella festa, che non era san Vito, ma che diventò modello ispiratore per il Comitato organizzatore della festa patronale, la riuscita fu splendida perché con il Banco di Beneficenza si organizzarono divertimenti di ogni genere, dallo sport al teatro, dal cinema all`aerostato.

Padre Ugo Orlandi, prete napoletano, fu mandato dal suo ordine - Missionari del Sacro Cuore - a Omegna per erigere l`Oratorio, a seguito di una generosa eredità lasciata alla parrocchia a tale scopo. Quel sacerdote aveva portato nella terra cusiana, seria e fors`anche un po` noiosa, il senso della festa, la voglia di fare allegria. Insomma un po` di Piedigrotta. Con parole misurate il Caccini riferisce dell`avvenimento: Grandi festeggiamenti e un ricchissimo banco di beneficenza, che diede un incasso mai raggiunto prima.
Da allora il modello di organizzazione, fatto proprio dal Comitato San Vito, si è ripetuto e sempre con successo. La festa omegnese si distingue da tutte le altre perché gli spettacoli e soprattutto i mirabolanti fuochi d`artificio sulle acque del lago d`Orta sono offerti a tutti, il divertimento è democratico, condiviso con chiunque voglia parteciparvi.
Già nel 1907, L`Azione, settimanale di Novara, della festa di san Vito scriveva che si svolsero speciali festeggiamenti promossi dall`Unione Sportiva. Ci fu un ben riuscito concorso ciclistico,al quale convennero da Milano, da Vercelli, da Varallo, da Locarno e da altre località numerose squadre; vi furono gare di corsa podistica, di nuoto e di canottaggio, un insieme di festeggiamenti civili che attrassero molta gente dei dintorni. Belli i fuochi artificiali di domenica [.]. In chiesa si fecero le funzioni d`uso con particolare solennità [.]. I discorsi d`occasione furono fatti dal teologo don Lino Cassani con eloquenza rude ma forte [.]. Ottima musica sacra ci fece gustare la Schola Cantorum di Omegna.

L`anno successivo, L`Amico, settimanale di Gozzano, titolava l`articolo: Tutti a Omegna! Il maestro della banda musicale cittadina presentava ben quattro sue nuove composizioni per celebrare la festa patronale.
La cronaca della festa potrebbe ripetersi anche per altri anni: cambiano gli enti organizzatori, definitivamente poi stabilitosi nel Comitato, ma i festeggiamenti non mutano. E quando per avvenimenti calamitosi la festa non si può celebrare con la consueta grandiosità, le cronache dei giornali rappresentano il rincrescimento della gente, quando non si arriva alla polemica per la mancata organizzazione, ravvisando colpevoli mancanze. di qualcuno.

Insomma la festa di San Vito si deve fare con lo splendore che la tradizione ha attribuito alla ricorrenza.

Per maggiori informazioni


Versione stampabile
» Zoom

» Zoom

» Zoom

» Zoom


allegati:
     > HOME PAGE
     > L'ECOMUSEO
     > IL TERRITORIO
     > DOVE SIAMO
     > CONTATTI
     > LINK

Iscriviti alla Mailinglist

Inserisci il tuo indirizzo email
 
       | CHI SIAMO
       | Amici dell`ecomuseo
       | LAGO D`ORTA
       | Musei Aperti
       | Paesi del lago
       | Luoghi della fede
       | Edifici civili
       | Orta reloaded
       | ITINERARI
       | Giro Lago
       | Autori del lago d`Orta
       | SCUOLE
       | Percorsi di scoperta
       | Progetti didattici
       | DOCUMENTAZIONE
       | Dialetto
       | Pubblicazioni
       | Storia e Tradizioni
       | PIEMONTE ECOMUSEI
       | ECOMUSEO E GIOVANI
       | ASSOCIAZIONI
       | TURISMO
       | ENOGASTRONOMIA
       | Progetti

 

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621)
all' Ecomuseo (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 - 17,00 dal lunedí al venerdí)
info: ecomuseo@lagodorta.net PEC: ecomuseo@lwcert.it
P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030
2006© LakeWeb s.r.l.