Benvenuti all'Ecomuseo del
Lago d'Orta e Mottarone >>
AGENDA
notizie dal territorio
  ECO NEWS
notizie dall'Ecomuseo
 
CERCA  

Torna a >Storia e Tradizioni

La Resistenza all`Alpe Cardello
 

All`Alpe Cardello (mt. 800), appena sopra Germagno, vi è un santuario dedicato alla Madonna.

Sovente i partigiani della Beltrami si accampano all`Alpe Cardello o nelle baite di Luneglio poco più in alto.
Nove uomini del Battaglione Augusto arrivano, la sera dell`11 aprile - dopo una lunga, durissima camminata,carichi di armi conquistate in una azione vittoriosa - all`Alpe Cardello, ma purtroppo per gli stanchissimi ragazzi, all`Alpe vi sono già accampati partigiani del Battaglione Burlotto un`unità come l`Augusto, della Divisione Alpina d`Assalto F.M. Beltrami.
I nove uomini dell`Augusto non possono fare altro che riprendere la salita per portarsi alle baite di Luneglio; raggiuntele, rinunciano a mangiare e si buttano, vinti dalla stanchezza, sul fieno.

Ma il riposo dei nove giovani non dura a lungo; all`alba del 12 aprile vengono svegliati di soprassalto da spari, da raffiche, da scoppi.
La sparatoria che sembra interessare l`Alpe Cardello non dura a lungo ed è seguita dal silenzio. Remo Ricci, il comandante della Squadra dell`Augusto, fa nascondere le armi conquistate e dispone i suoi uomini in modo tale da potere mantenere sotto controllo i diversi sentieri che portano alle baite di Luneglio. Vi è la certezza di avere le spalle coperte dalla squadra che si rifugia all`Alpe Quaggione.

Ad un tratto la scia giallognola di un razzo solca il cielo; è la segnalazione della presenza di un reparto nazifascista ad altri reparti.
Presumibilmente, il razzo è partito dalla località Montebuglio, sottostante il rifugio dei partigiani. Ricci costituisce subito una mini-pattuglia che deve andare in ricognizione; la pattuglia è composta da Bogni Roberto Ciccio di 24 anni, Realini Antonio di 18 anni e Valentini Guido Guido di 20 anni.

E` lo stesso Ricci che ricorda: Poche parole d`intesa, uno sguardo al mitra… pochi minuti trascorrono ed alcune rabbiose raffiche si fanno sentire… Dal Quaggione ci giunge l`ordine di raggiungere le postazioni più alte…. I tre nuclei partigiani, riunitisi al Quaggione, pur essendo in numero assai limitato, decidono di portare l`attacco ai fascisti asserragliatisi nel piccolo santuario della Madonna, all`Alpe Cardello. L`attacco sorprende i fascisti che, dopo breve resistenza, abbandonano la posizione e si danno a precipitosa fuga.
I fascisti hanno però anche in questa occasione lasciato il segno della loro barbarie: Realini, Bogni e Valentini vengono trovati dai loro compagni non solo colpiti dai proiettili dei mitra, ma mostruosamente pugnalati in viso e per tutto il corpo.

Bibliografia: Enrico Massara, I tre dell`Augusto, in Antologia dell`antifascismo e della Resistenza Novarese - Uomini ed episodi della lotta di liberazione, pp. 518-519.


Versione stampabile
» Zoom

» Zoom


allegati:
     > HOME PAGE
     > L'ECOMUSEO
     > IL TERRITORIO
     > DOVE SIAMO
     > CONTATTI
     > LINK

Iscriviti alla Mailinglist

Inserisci il tuo indirizzo email
 
       | CHI SIAMO
       | Amici dell`ecomuseo
       | LAGO D`ORTA
       | Musei Aperti
       | Paesi del lago
       | Luoghi della fede
       | Edifici civili
       | Orta reloaded
       | ITINERARI
       | Giro Lago
       | Autori del lago d`Orta
       | SCUOLE
       | Percorsi di scoperta
       | Progetti didattici
       | DOCUMENTAZIONE
       | Dialetto
       | Pubblicazioni
       | Storia e Tradizioni
       | PIEMONTE ECOMUSEI
       | ECOMUSEO E GIOVANI
       | Concorsi
       | ASSOCIAZIONI
       | TURISMO
       | ENOGASTRONOMIA
       | Progetti

 

Per informazioni telefonare (0323.89622) o inviare un fax (0323.888621)
all' Ecomuseo (orari: 9,00 - 13.00 / 14,00 - 17,00 dal lunedí al venerdí)
info: ecomuseo@lagodorta.net PEC: ecomuseo@lwcert.it
P.IVA 01741310039 - C.F. 93016190030
2006© LakeWeb s.r.l.